Dubai

I miei viaggi

Dubai

Partenza il 17 Gennaio 2014 da Milano Malpensa ore 21.10

Imbarco il 18 Gennaio 2014 a Dubai

Itinerario della Crociera

Sabato 18 Gennaio Arrivo a Dubai con panoramica dal Burj Khaliffa.
Domenica 19 Gennaio visita di Abu Dhabi.
Lunedì 20 Gennaio: navigazione.
Martedì 21 Gennaio Khor al Fakkan, in fuoristrada nel deserto.
Mercoledì 22 Gennaio Muscat, visita panoramica di Muscat e Nakhal
Giovedi 23 Gennaio Khasab, crociera in dhow tra i fiordi arabi
Venerdì 24 Gennaio Dubai, alla scoperta di Dubai e pranzo al Burj Al Arab.
Sabato 25 Gennaio, sbarco e rientro a casa.  

In fuoristrada a Khor al Fakkan

Il diario

Finalmente è arrivato, Venerdì 17 gennaio, sono le 18.30 e siamo all’aeroporto di Milano Malpensa al check in 17 della Emirate, ( e qui i superstiziosi…cr cr cr…). Imbarchiamo le valigie e andiamo al gate B38. Saliamo sull’aereo ( Boing 777) e rimaniamo a bocca aperta, poltrone da salotto e bevande a ogni poltrona, peccato non sono i nostri posti, quella è la prima classe. Si prosegue e arriviamo alla economy, di tutto rispetto, un monitor per ogni sedile. Ci sediamo e io inizio a smanettare col telecomando, cerco i films provo i giochi e cosi’ quasi in un attimo arriviamo a Dubai. Saliamo sul pullman Arriviamo al porto,si vedono le navi: la Lirica, la Fortuna, la neo Riviera e una nave della compagnia Aida; che schieramento ! Entriamo nel pala-crociere e ci mettiamo in coda per la registrazione. Ritiriamo le card e saliamo a bordo;  

A differenza della Costa Serena, la Lirica non ha la hall altissima ma è molto bella e accogliente, cerchiamo subito la stanza, ponte 8, n° 8023 entriamo, bella come quella della Serena.Non perdiamo tempo a riposare e partiamo subito perun tour fai da te con uno dei tanti taxi pronti a partire, e subito si presentano palazzi altissimi e luccicanti da lasciare a bocca aperta, per non parlare delle automobili, modelli che da noi non li vedremo mai, cilindrate toppo alte e col costo dei carburanti ce le possiamo sognare (qui la benzina costa al litro circa 30 centesimi).

Da buon collezionista di magliette, non poteva mancare una puntatina al Hard rock Cafè, anche questo mastodontico.

Rientriano sulla nave, e si salpa col primo aperitivo in mano. Girovaghiamo un po tra bar e negozi sulla nave, tanto per far arrivare l’ora di cena,ma nemmeno il tempo di ambientarci e siamo già ad Abu Dhabi, e si parte con l’escursione MSC; prima tappa la maestosa Moschea, qui il detto non è tutto oro ciò che luccica non è valido, è tutto oro e marmo di Carrara.

Si riparte attraversiamo la città, non molto diversa sa Dubai ma si nota un po meno lo la guida ci racconta che qui ad Abu Dhabici sarà petrolio ancora per 200 anni, difatti stanno progettando tantissimi nuovi palazzi e musei.
E’ gia l‘ora di rientrare in nave, il sole è caldo e ne approfittiamo per fare un bagnetto in piscina prima di salpare.
La sera andiamo al teatro prima di cena.

Bravissimi i cantanti e soprattutto i ballerini.
Per arrivare al prossimo porto, trascorriamo una intera giornata in navigazione. Ne approfittiamo per prendere un po’ di tintarella sui ponti della nave. Transitiamo nello stretto di hormuzdove possiamo vedere la costa dell’Oman da una parte e quella dell’Irandall’ altra, ci sono anche molte altre navi petroliere e non.
Arriva la sera così andiamo a poppa della nave a goderci il sole che tramonta, ma ad un tratto uno sciame di motoscafi punta verso la nave, aiuto i pirati, poi arriviamo a Khor ak Fakkan, siamo in fermento perchè abbiamo prenotato l’escursione con i fuoristrada nel deserto e siamo molto curiosi.

Saliamo in automobile, Un 6 cilindri da 7 posti, musica contemporanea da discoteca e via verso la citta’.
Arriviamo al confine col deserto, le automobili si fermano, gli autisti scendono e iniziano a sgonfiare i pneumatici e noi ne approfittiamo per farci fare alcune foto abbracciati ad un cammello.

Si parte….tra paraboliche sulle dune e discese mozzafiato, sembra di stare sulle montagne russe, bellissimo, un escursione assolutamente consigliata, (non per chi soffre l’automobile!) da provare.

Si rientra e si salpa, siamo sul ponte come sempre a goderci la partenza, mi giro verso il mare aperto e vedo una distesa di petroliere, sono riuscito a contarne una settantina, mai viste cosi’ tante.

Arriviamo a Muscat e subito in moschea, molto bella anche questa, un po’ piu’ piccola rispetto a quella di Abu Dhabi ma comunque magnifica.

Ci spostiamo poi al forte di nakhl e risaliamo un ruscello fino allasorgente naturale di acqua calda, ci mettiamo i piedi dentro e dei graziosi pesciolini ci fanno il solletico.

Considerata la distanza dalla nave, ci fermiamo in un Resort di lussa a pranzare.

Rientrati in Muscat, ci addentriamo per il souk il mercato, dove ti assalgono letteralmente per venderti la pashmina, Cercano anche di mimettizzarmi con la popolazione facendomi indossare i vestiti tipici del luogo, ma con scarsi risultati.

Prima di rientrare in nave facciamo una Puntatina al palazzo del “sultano” Quaboos Khasab.

Nemmeno attraccati e siamo gia’ pronti con asciugamani e zaini per partire con la mini crociera in dhow nella Norvegia araba tra i fiordi dove incontriamo i delfini, si poteva pure fare ilbagno ma  l’acqua era tutt’altro che calda… questo non ha fermato mia moglie dal buttarsi…

Purtoppo quando ci si diverte, il tempo vola ed è gia l’ora di rientrare.A borto prendiamo un aperitivo con un ottimo trancio di pizza e una birra fresca e dopo lo spettacolo in teatro, la cena con gli amici a raccontarci le avventure della giornata.

L’avventura è quasi finita, siamo gia’ ritornati a Dubai, c’è però il “tour de force” per la città

Partiamo di primo mattino direzione Dubai Mall, immenso centro commerciale con 1200 negozidi ogni tipologia e marca, la guida dice, “se non trovi una marca qui è perchè non hai cercato bene”.

Continuiamo col pranzo al Burj al arab noto anche come albergovela, unico albergo a 7 stelle al mondo; le stanze sono tutte suite e si scelgono a dimensione

Ci spostiamo poi al Atlantis the Palm Hotel situato al centro dell’isola artificiale a forma di Palma e visita all’acquario, poi direzione Dubai vecchia dove entriamo al “Dubaimuseum” dove racconta la rapidissima evoluzione che ha avuto la citta’ di Dubai in pochissimi anni.

Ci spostiamo e passiamo vicino al famoso ski Dubaicon i suoi 400m di piste su neve artificiale al coperto.

Continuando poi per il souk delle spezie e il souk dell’oro, usando un abra, le imbarcazioni utilizzate come taxi per attraversare il fiume Creek.

Rapido rientro in nave per una cena fugace (una pizza e una birra) e si riparte per salire sul 124° piano del grattacielo Burj Khalifa a vedere lo skyline di Dubai la notte, e la danza delle fontane.

Sono le 9.30 e purtroppo l’aereo decolla per riportarci allerealta’ di tutti giorni, ma riusciamo ancora a rubare una foto dall’alto di una Dubai che si nasconde tra la foschia.

E’ stata una bellissima crociera, la MSC Lirica, a confronto con la Costa Serena, è piu’ piccola ma i confort e la disponibilita’ dell’equipaggio sono identici.L’unica nota di demerito la darei solo alla varieta di cibo al Buffet perchè in quanto alla qualità a me è sembrato tutto sempre molto buono..

Speriamo a molto presto…. alla prossima Crociera.

 

Scroll Up